Le cose da sapere


 

 

La cura dei  barboni  

Pelo

 Il Barbone a differenza di altre razze ha una grande qualità non perde il pelo, ed è l'unico a non creare problemi di allergie, per questo è consigliato dai medici per i bambini, con i quali, inoltre, per il suo carattere vivace, gioioso e dolce, risulta essere un ottimo compagno con cui crescere. Però il suo manto necessita di attenzioni e cure, cresce come i nostri capelli costantemente, ed essendo riccio deve essere spazzolato giornalmente affinché non si creino nodi che, se trascurati, infeltriscono, fino a formare dei veri e propri rasta, difficili e dolorosi, per il nostro amico, con possibile sensibilizzazione della cute male ossigenata. Abituate quindi, fin da piccolo, il vostro cucciolo alla spazzola, se lo tenete a pelo lungo, e al pettine per i possibili nodi che si formano o per rimuovere ciò che si raccoglie nelle passeggiate nei prati, mentre per le parti più corte, zampe, orecchie, o per un taglio più corto e comodo, consiglio di usare il cardatore (spazzola a denti di metallo corti e piegati tipo rastrello)

 

Bagno

 Il bagno è consigliato almeno una volta al mese, massimo ogni due. Abituate il cucciolo fin da piccolo ad essere portato in toelettatura, affinché si abitui al rumore della tosatrice e del phon, e faccia amicizia e prenda fiducia nella persona che dovrà prendersi cura del suo mantello. Così potrà accettare lo stress della toelettatura come un momento di accudimento e di attenzioni nei suoi confronti e non scambiarlo per un momento di tortura. In seguito al secondo richiamo del vaccino potrà essere portato in Toillet. Se invece volete cimentarvi voi nella sua pulizia, vi consiglio prima di tutto di armarvi di tanta pazienza e di seguire alcuni passi fondamentali affinché tutto risulti semplice. Comunque consiglio per il taglio di rivolgersi ad un professionista visto che non è un'impresa da poco gestire il pelo di un barbone, soprattutto se ne siamo completamente a digiuno. Il taglio inoltre non può essere improvvisato, solo un professionista con anni di esperienza sa dove mettere le forbici. 
Prima di bagnarlo deve essere spazzolato per togliere tutti i nodi che, dopo bagnati, si infeltriscono, diventando più dolorosi da estirpare. Usate uno shampoo delicato per peli lunghi, in commercio se ne trovano tutti i tipi, le migliori marche sono la All Star e la San Bernardo, oppure fatevi consigliare dal vostro toelettatore. Dopo averlo bagnato con acqua tiepida insaponatelo bene, massaggiandolo in tutto il corpo facendo molta attenzione che il sapone non vada negli occhi. Dopo di che, sciacquate bene e rimuovete tutta la schiuma per non lasciare residui di shampoo sulla pelle del vostro amico che, seccando sulla cute, potrebbe irritarla. 
Se il manto è particolarmente sporco si consiglia un secondo shampoo. Il balsamo può essere usato in caso di nodi e per peli particolarmente lunghi, risciacquando sempre con cura. In caso di pelo corto potete passare subito ad asciugarlo prima con l'asciugamano frizionandolo bene, poi con il phon spazzolandolo bene con il cardatore per stirare il pelo mentre si asciuga. Assicuratevi che le orecchie siano bene asciutte, aiutandovi con un batuffolo di cotone. 

 

Orecchie

E' importante tenere sotto controllo le orecchie del barbone, che come tutti i cani con le orecchie pendule, sono soggetti a micosi (rogna auricolare) che può trasformarsi in vere e proprie otiti molto dolorose. 
Il barbone presenta molto pelo nel dotto uditivo che facilita la formazione di tali problemi, da rimuovere periodicamente strappandolo con gesti rapidi e decisi con i polpastrelli o con una pinzetta specifica. Se non siete esperti fate fare questa operazione al veterinario perché il vostro amico non godrà questo genere di operazioni. Per tenere le orecchie sempre pulite usate un prodotto per la detenzione auricolare, io consiglio il Neoxide della Candioli. Si inserisce la pipetta nel dotto e si fa scendere un po' di prodotto fino a riempimento di tutto il canale e poi massaggiare delicatamente l'orecchio con movimenti circolari. Ha un'ottima capacità di staccare il cerume; lasciarlo agire per una ventina di minuti e poi rimuoverlo con una garza o con un panno. Ovviamente l'orecchio deve essere stato pulito prima dai peli. In caso invece di cattivo odore e manifestazioni di dolore o prurito andare subito dal veterinario che vi darà la cura più idonea ad eliminare il parassita presente. In caso di rogna io consiglio il Posatex, molto efficare. Si somministra una volta al giorno per 6/7 giorni. In tutti i casi la visita dal veterinario è sempre necessaria.

 

Denti

Un'altra abitudine di buona igiene alla quale abituare il nostro barbone fin da cucciolo, è la pulizia dei denti almeno una volta, anche due, alla settimana, poiché tende alla formazione del tartaro che, se trascurato, porta a vere infezioni gengivali, pericolose per la salute di reni e cuore, fino a forme così avanzate da compromettere anche le ossa mascellari e mandibolari, per arrivare addirittura, in vecchiaia a forme tumorali. Quindi se non avete tempo di abituare il vostro cane alla pulizia settimanale, fate controllare dopo i 4 anni, periodicamente al veterinario  i denti che, in caso di tartaro esteso, sottoporrà il vostro amico ad un'anestesia e ad una profonda pulizia dentale. In età avanzata, in casi gravi si potrà arrivare all'estrazione dei denti. Per la pulizia io consiglio la pasta Dentalmax che contiene anche uno spazzolino a ditale col quale strofinare i denti in ogni angolazione, sempre che il nostro amico collabori stando il più possibile fermo. Per abituarlo consiglio di dargli prima della pulizia un premio, e riempirlo di coccole dopo portandolo a fare ciò che adora e che spesso invece gli proibiamo (montare sul divano, fare un giro nelle stanza e lui vietate, giocare con i giochi rumorosi ecc)